La cascata, il fiume, l’oceano

tilopa

Dai Consigli sul Grande Sigillo, del mistico buddhista Tilopâ (928-1009)

La suprema meditazione è non essere distratti. La suprema condotta è assenza di sforzo. La realizzazione della meta è non avere né speranza né timore. La vera natura della coscienza è chiarezza al di là delle immagini.

La meta della via degli esseri risvegliati è conseguita senza una via da percorrere.

Oh, considera bene l’esistenza mondana. Essa è transitoria, come un’illusione e un sogno non è qualcosa di reale. Perciò pèntiti e lascia l’azione mondana. Taglia completamente i legami affettivi con il tuo seguito e il tuo paese. Medita da solo in un eremo di montagna o nella foresta.

Continua a leggere “La cascata, il fiume, l’oceano”

Quando le penitenze erano… tariffe

 

confessionale

(X sec.): Da La penitenza, Torino, 1976, pagg. 150ss.

Dopo la confessione dei peccati: preghiera di contrizione del penitente e richiesta del giudizio

Sono molti ed innumerevoli sono gli altri miei peccati, tanto che non posso ricordarli, nelle cose fatte, nelle cose dette e nei pensieri; per tutto ciò la mia mente è contrita e confitta in un’aspra penitenza. Perciò, supplice, invoco un tuo consiglio e giudizio, tu che sei ordinato ad un compito di mediazione tra Dio e l’uomo peccatore, e ti imploro umilmente di intercedere per i miei peccati.

Continua a leggere “Quando le penitenze erano… tariffe”