Bernardo di Chiaravalle

bernardo

(1090-1153) L’elogio della nuova cavalleria ai cavalieri del Tempio, testo a cura di M. Polia, Il Cerchio, 1988

Il testo sul quale si fondò gran parte dell’idea di guerra giusta “nelle cose di religione” e della drammatica teoria del “malicidio”, che fu alla base della fondazione dei Templari come ordine religioso armato e della crociata come necessità per la salvezza delle anime.

A Ugo, cavaliere di Cristo e Maestro dalla Milizia di Cristo, Bernardo, abate di Chiaravalle solo di nome: combattere il giusto combattimento. (II Tim. 4,7).

Per una, due e tre volte, se non erro, o dilettissimo Ugo, mi hai chiesto di scrivere un discorso di esortazione per te e per i tuoi compagni d’arme e di brandire lo stilo, dal momento che non mi è concesso brandire la lancia, contro un nemico tirannico. Affermi che sarà per voi di non poco conforto se io vi incoraggerò per mezzo dei miei scritti, dal momento che non posso farlo per mezzo delle armi.

Continua a leggere