Il miracolo del nulla alle spalle

di BARBARA SPINELLI (da La Repubblica – per leggere tutto l’articolo, clicca qui)

Il miracolo del nulla alle spalle

Propongo qui un estratto da uno degli interventi che sento più densi in questi giorni, sul tema delle dimissioni del Papa. L’insistenza della riflessione su questo avvenimento viene dalla percezione netta che è uno dei fatti per i quali nulla sarà più come prima.

[…] Lunedì abbiamo visto il Pontefice ritrarsi come il protagonista dell’Habemus Papam di Nanni Moretti. Ma attorno a lui non s’accampavano che volti imperturbati, senza increspature.

Angelo Scola, sapendosi possibile successore, si concedeva a fedeli e giornalisti e già sopiva, troncava. Antiche abitudini erano lì, pronte a cancellare le rughe: “È per il bene della Chiesa… State tranquilli… Dio ci guida…”. Pareva un assai ordinario democristiano. Anche questo non escludiamo: che la svolta tettonica venga presto minimizzata, sommersa. Quante volte diremo, negli anni futuri: quel che accade vanifica il graffio che fu la Grande Rinuncia. Polverizza la laicizzazione della Chiesa che il graffio in qualche modo e magari involontariamente presagiva.

Continua a leggere “Il miracolo del nulla alle spalle”

Confessioni, coraggio, delusioni e silenzi

Innamorati al Tramonto  (smalti su cartoncino dim.33x47)

Propongo oggi la mia “riflessione del venerdì”. Il giorno di ritardo è dovuto a un’esperienza cui sono stato chiamato a partecipare ieri e che mi ha lasciato un profondo senso di rispetto e stima: ero moderatore alla testimonianza di un testimone di giustizia nei processi contro la mafia presso un liceo. Alla presenza di oltre 300 giovani, una donna che ha fatto condannare decine di mafiosi raccontava la propria vita (testimonianza che il giornalista Umberto Lucentini ha raccolto nel bellissimo libro MALEDETTA MAFIA) e spiegava le ragioni per cui una bella signora quarantenne, madre di una giovane donna (che oggi ha 24 anni) decide di vivere la propria esistenza sotto scorta e nel totale nascondimento, allo scopo di portare un secchio al mare della libertà civile e della decenza sociale.

Al di là della storia personale di Anna, per me è stato inevitabile un parallelo con un’altra esperienza vissuta una decina di giorni fa: l’incontro con un gruppo di amici preti, e la riflessione conseguente su alcune dinamiche della vita presbiterale oggi. Un incontro che è stato profondo, ricco, pieno di umanità e di capacità di toccare temi delicati, sia personali che di socialità ecclesiale.

Continua a leggere “Confessioni, coraggio, delusioni e silenzi”

Il messaggio dell’imperatore

Franz Kafka

(1883-1924), Da Tutti i racconti, Milano, 1982.

kafka2(30)

Che Kafka vada recuperato come una delle più straordinarie figure della spiritualità a cavallo tra XIX e XX secolo è cosa ormai appurata, per chi ne conosce gli scritti un po’ oltre le mode. Mi permetto un suggerimento, per chi non conoscesse il lato mistico dello scrittore praghese: la lettura di quello straordinario diario interiore che sono i “Quaderni in ottavo” (reperibili in Italia in edizione Oscar o per i tipi di SE).

Qui presento un racconto breve, che ha in sé il sapore dell’assoluto: attesa, ricerca, ineffabile.

L’imperatore – così dice la leggenda – ha inviato a te, singolo, miserabile suddito, ombra minuscola fuggita via nelle più remote lontananze dall’abbagliante sole imperiale, a te, proprio a te ha inviato un messaggio dal suo letto di morte.

Continua a leggere “Il messaggio dell’imperatore”

In margine alla vicenda di don Alberto

A occhi aperti

Conosco e sono amico (abbiamo studiato teologia insieme) di don Alberto Barin da trent’anni circa. Da quando è stato nominato cappellano delle carceri di San Vittore sono stato un paio di volte a trovarlo e a chiacchierare con lui. Poi, come capita con gli amici, ci siamo persi di vista. Fino a ieri sera, quando la telefonata di un altro amico comune mi ha rivelato quel che stava accadendo: le accuse, l’arresto (qui per la notizia)… Qui non voglio in nessun modo prendere posizione su don Alberto e su quanto ha compiuto o meno, e vorrei evitare anche da parte di chi legge e volesse intervenire la classica presa di posizione su innocenza e/o colpevolezza: per questo esiste una magistratura che farà le sue indagini e, inoltre, non è questo il fine del presente blog.

Continua a leggere “In margine alla vicenda di don Alberto”

Il deserto e l’anima

Charles de Foucauld

(1858-1916) Lettera a Padre Girolamo. Da Barrat D.E.R., Charles de Foucauld e la fraternità, Paoline, Milano 1991.

Bisogna passare attraverso il deserto e dimorarvici, per ricevere la grazia di Dio: è là che ci si svuota, che si scaccia da noi tutto ciò che non è Dio, e che si vuota completamente questa piccola casa della nostra anima per lasciare tutto il posto a Dio solo. Gli ebrei sono passati per il deserto; Mosè vi è vissuto prima di ricevere la sua missione; san Paolo, san Giovanni Crisostomo si sono anch’essi preparati nel deserto… E’ indispensabile… E’ un tempo di grazia, è un periodo attraverso il quale deve necessariamente passare ogni anima che vuol portare frutti le sono necessari questi silenzi, questi raccoglimenti, questi oblii di tutto il creato in mezzo ai quali Dio stabilisce il suo regno e forma in essa lo spirito interiore. la vita intima con Dio, la conversazione dell’anima con Dio nella fede, nella speranza e nella carità. Più tardi, l’anima produrrà frutti esattamente nella misura in cui si sarà formato in essa l’uomo interiore. Se questa vita interiore è nulla, per quanto zelo si possa avere, buone intenzioni e molto lavoro, i frutti saranno nulli: è una sorgente che vorrebbe dare la santità agli altri, ma non può perché non la possiede: si dà solo quello che si ha.

Continua a leggere “Il deserto e l’anima”

La vocazione del solitario

Thomas Merton

(1915-1968) Pensieri nella solitudine, Garzanti 1959

Thomas Merton con il Dalai Lama

Vocazione alla solitudine. Darsi, consegnarsi, affidarsi completamente al silenzio di un vasto paesaggio di boschi e colline, o mare, o deserto: star fermo, mentre il sole sale sulla terra e ne colma di luce i silenzi. Pregare e lavorare il mattino, lavorare e risposare il pomeriggio e fermarsi di nuovo a meditare alla sera quando la notte cade su quel paesaggio e quando il silenzio si riempie di tenebra e di stelle. Questa è una vocazione vera e speciale. Pochi sono disposti ad immergersi completamente in un tale silenzio, a lasciar che se ne impregnino le loro ossa, a respirare solo silenzio, a nutrirsi di silenzio e a mutare la sostanza della loro vita i un silenzio vivo e vigile.

Martire è chi ha preso una decisione così forte da poter essere provata dalla morte.

Solitario è chi ha preso una decisione così forte da poter essere provata dal deserto: ossia dalla morte.

Continua a leggere “La vocazione del solitario”

L’uomo “solo” e “i casi seri” della vita e della morte

Hans Urs von Balthasar

(1905-1988), Cordula, Brescia, 1968, passim: il caso serio della vita e della morte.

Moriamo soli. Mentre la vita, fin dal seno materno, è sempre comunione, tanto che un io umano isolato non può né nascere, né sussistere, e nemmeno essere immaginato, la morte sospende per un momento senza tempo proprio la legge della comunione. Gli uomini possono accompagnare fino all’estrema soglia il morente, che può anche sentirsi accompagnato, soprattutto se è la comunità dei santi ad accompagnarlo nella fede in Cristo; tuttavia valicherà la stretta porta solo ed isolato. La solitudine spiega ciò che la morte è attualmente: la conseguenza del peccato (Rm 5, 12); cercare ciò che essa altrimenti potrebbe essere, è ozioso.

Continua a leggere “L’uomo “solo” e “i casi seri” della vita e della morte”