Gli Istituti secolari: una soluzione?

Giuseppe Lazzati

Parliamo degli Istituti laicali, per i quali il problema di fondo resta quello della loro collocazione: sono o non sono laici i membri di tali istituti? Non vorremmo fermarci alla risposta negativa di coloro che vedono nella condizione coniugale, in atto o in potenza, cioè in quanto non esclusa definitivamente per un atto di volontà comunque formulato, il segno decisivo della condizione laicale, nel sacramento del matrimonio il sacramento della laicità, così che quanti per atto anche solo implicito della loro volontà si decidono per il celibato con ciò stesso si escludono dal numero dei laici.

Continua a leggere “Gli Istituti secolari: una soluzione?”

Cosa pensa Benedetto XVI della Gaudium et Spes

Nell’introduzione al libro che raccoglierà gli scritti ratzingeriani sul Concilio, di prossima uscita (a novembre per i tipi dell’editore Herder e a cusa dell’arcivescovo Gerhard L. Müller, prefetto della congregazione per la dottrina della fede),  il Papa indica con chiarezza alcune sue riflessioni sulla riuscita e sui limiti del Vaticano II. Tra le cose meno efficaci, cita la Gaudium et Spes (tra le efficaci, Nostra Aetate (rapporto con gli Ebrei) e Dignitatis Humanae (libertà religiosa).

Vale la pena leggere integralmente il testo che certamente obbliga a non poche riflessioni. Qui si seguito citiamo solo il passo che riguarda la Costituzione sulla Chiesa nel mondo contemporaneo.

Continua a leggere “Cosa pensa Benedetto XVI della Gaudium et Spes”

La crisi delle istituzioni religiose è automaticamente crisi interiore?

In un intervento sul suo blog, che rimanda a un articolo pubblicato da “Liberal” il 16 ottobre, Luigi Accattoli fa una disamina molto intensa e interessante dell’apertura dell’Anno della fede e della rilettura di Benedetto XVI riguardo al Concilio Vaticano II. Dopo aver valorizzato alcuni gesti simbolici del Papa, Accattoli pone due problemi, che qui riportiamo, rimandando il lettore al testo integrale.

Ci sembra una riflessione che non debba andare perduta.

[…] Benedetto dunque non esita a muovere critiche ai documenti conciliari e la sua libertà suggerisce che anche la sua veduta possa prestarsi a qualche osservazione: ne faccio mie le note essenziali, ma almeno in un punto – quello della considerazione della modernità come nemica a Dio – essa mi appare a dominante eurocentrica e intellettuale. Eurocentrica: perché certo nell’Europa si manifesta quel portato estremo della secolarizzazione che Benedetto indica come “vuoto” e “deserto” di Dio, ma non credo che lo stesso si possa dire del resto del mondo. Ed è ormai nel Sud del pianeta la più gran parte – e viva – delle Chiese cristiane.

Continua a leggere “La crisi delle istituzioni religiose è automaticamente crisi interiore?”

La crisi della Chiesa è colpa del Concilio?

Gabriele Gherardi

Chiesa e mondo cattolico, passim: una lettura del Vaticano II

Quando Papa Giovanni XXIII ebbe (ci dicono) una specie di folgorazione, esclamando: “Ci vorrebbe un concilio!”, questa espressione poteva sembrare veramente profetica. Tutto sembrava andare così bene, mentre il decennio ‘50 svoltava negli anni ‘60! O meglio, tutto sembrava così chiaro…

Continua a leggere “La crisi della Chiesa è colpa del Concilio?”

L’uomo “solo” e “i casi seri” della vita e della morte

Hans Urs von Balthasar

(1905-1988), Cordula, Brescia, 1968, passim: il caso serio della vita e della morte.

Moriamo soli. Mentre la vita, fin dal seno materno, è sempre comunione, tanto che un io umano isolato non può né nascere, né sussistere, e nemmeno essere immaginato, la morte sospende per un momento senza tempo proprio la legge della comunione. Gli uomini possono accompagnare fino all’estrema soglia il morente, che può anche sentirsi accompagnato, soprattutto se è la comunità dei santi ad accompagnarlo nella fede in Cristo; tuttavia valicherà la stretta porta solo ed isolato. La solitudine spiega ciò che la morte è attualmente: la conseguenza del peccato (Rm 5, 12); cercare ciò che essa altrimenti potrebbe essere, è ozioso.

Continua a leggere “L’uomo “solo” e “i casi seri” della vita e della morte”

La differenza tra fede e religiosità

Karl Barth

(1886-1968), L’Epistola ai Romani, Milano, 1962, pagg. 72ss.; pagg. 238s.: il significato della fede e della religione, cit. in Archivum, op. cit..

La fede è la conversione, il radicale nuovo orientamento dell’uomo che sta nudo davanti a Dio, che per acquistare la perla di gran prezzo è diventato povero, che per amore di Gesù è pronto a perdere la sua anima. La fede stessa è fedeltà di Dio, sempre ancora e sempre di nuovo nascosta dietro e sopra le affermazioni, le buone disposizioni, le conquiste spirituali dell’uomo nei riguardi di Dio. La fede perciò non è mai compiuta, data assicurata, è sempre e sempre di nuovo, dal punto di vista della psicologia, il salto nell’incerto, nell’oscuro, nel vuoto. La carne e il sangue non ci rivelano questo (Mt 16, 17): nessun uomo può dirlo all’altro, nessuno può dirlo a se stesso. Quello che ho udito ieri, devo udirlo ancora oggi, dovrò udirlo ancora domani, come una cosa nuova…

Continua a leggere “La differenza tra fede e religiosità”

Laicale, mondano e secolare (una distinzione dimenticata)

Giuseppe Lazzati

Consacrazione e secolarità: i termini “mundus” e “saeculum”.

Da Archivum. Documenti per una storia della Chiesa, Casale Monferrato, 2001

Equivocità del termine “mundus”. – E’ nota la equivocità del termine “mundus” nel latino cristiano a partire da quello biblico e neotestamentario. Tale equivocità risulta in modo particolare nel linguaggio giovanneo che di un significato fornisce anche la definizione, il contenuto, dando così la possibilità di precisare esattamente l’altro. Il significato primo è quello più comune e corrispondente all’uso corrente del nostro vocabolo mondo: il mondo inteso come insieme delle realtà create, di ciò che in esse è e vive. In questo senso la parola è usata nelle espressioni di Giovanni… che è inutile riportare…

Il secondo significato è peggiorativo ed è quello definito da Giovanni nella prima lettera (2, 15)… Qui il mondo è preso sì come realtà creata con tutto quello che abbraccia, ma in quanto veduta, giudicata, usata secondo la visione che deriva dalla triplice concupiscenza cioè contro il disegno di Dio…

Continua a leggere “Laicale, mondano e secolare (una distinzione dimenticata)”