Quando la Chiesa scomunicava i comunisti…

Pio XI

pio xi

(1857-1939), papa (1922-1939) Divini Redemptoris (1937)

INTRODUZIONE

1. La promessa di un Redentore illumina la prima pagina della storia dell’umanità; e così la fiduciosa speranza di tempi migliori lenì il rimpianto del paradiso perduto e accompagnò il genere umano nel suo tribolato cammino, finché nella pienezza dei tempi il Salvatore del mondo, venendo sulla terra, compì l’attesa e inaugurò una nuova civiltà universale, la civiltà cristiana, immensamente superiore a quella che l’uomo aveva fino allora laboriosamente raggiunto in alcune nazioni più privilegiate.

2. Ma la lotta fra il bene e il male rimase nel mondo come triste retaggio della colpa originale; e l’antico tentatore non ha mai desistito con fallaci promesse d’ingannare l’umanità. Perciò nel corso dei secoli uno sconvolgimento è succeduto all’altro fino alla rivoluzione dei nostri giorni, la quale o già imperversa o seriamente minaccia, si può dire, dappertutto e supera in ampiezza e violenza quanto si ebbe a sperimentare nelle precedenti persecuzioni contro la Chiesa. Popoli interi si trovano nel pericolo di ricadere in una barbarie peggiore di quella in cui ancora giaceva la maggior parte del mondo all’apparire del Redentore.

Continua a leggere “Quando la Chiesa scomunicava i comunisti…”

Cosa resta di una politica cristiana (1)

Romolo Murri

(1870-1944) in Cultura sociale, 193, 10 gennaio 1906: l’antinomia del cristianesimo democratico.

Il dibattito politico attuale ha, tra i suoi vari temi (spesso drammatici) quello delle alleanze e del ruolo dei cristiani nella democrazia. Vale la pena tornare a rileggere alcuni dei padri fondatori della relazione tra vita cristiana e vita democratica. Oggi riporto un testo di Romolo Murri, sacerdote e uomo politico di inizio xx secolo, scomunicato nel 1909 proprio per la sua attività politica, giudicata contraria al volere del Vaticano.

“[Si evidenzia] assai chiaramente l’antinomia che molti hanno rinvenuto nella democrazia cristiana; antinomia d’un programma politico che fa appello al cristianesimo, d’un cristianesimo che si affigge l’etichetta politica di democratico.

Continua a leggere “Cosa resta di una politica cristiana (1)”