Santi, ferite e politiche ecclesiali

RC312-376366-01-02-20140427-092733-U43010693703821uoH-U430101875165933fHD-593x443@Corriere-Web-Roma

Ho aspettato un po’ a scrivere della beatificazione di Giovanni Paolo II e di Giovanni XXIII, perché mi venivano in mente solo cose banali e volevo rifletterci sopra. Detto che nessuno aveva creato problemi riguardo al Papa “buono”, ne erano invece emersi, e non pochi, in riferimento a Woytila. Tra tutte, segnalo due scelte giornalistiche: il pezzo di don Paolo Farinella, durissimo ma, almeno personalmente, in parte condivisibile (per chi volesse leggerlo: qui); e l’intelligente (giornalisticamente) scelta di pubblicare il pensiero dei due papi attuali (quello regnante e quello emerito, ma i testi furono scritti quando i due non erano ancora saliti al soglio di Pietro) sui due papi santi (vedi qui e qui).

Continua a leggere “Santi, ferite e politiche ecclesiali”

Il “Nobel” per la teologia 2012

Sabato, 20 ottobre 2012, alle ore 11.30, nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico Vaticano, durante la celebrazione del Sinodo, Benedetto XVI ha conferito quello che popolarmente viene ormai indicato come il Nobel per la teologia: il “Premio Ratzinger 2012”, istituito dalla “Fondazione Vaticana Joseph Ratzinger – Benedetto XVI”.

I premiati di quest’anno:

Rémi Brague e Brian E. Daley

Il premio è un’occasione interessante almeno per due motivi: nel clima complesso e di scarso dialogo all’interno della Chiesa struttura, vengono indicate figure “scientificamente interessanti”; inoltre, le motivazioni permettono di cogliere alcuni elementi del futuro della Chiesa-che-pensa.

Continua a leggere “Il “Nobel” per la teologia 2012″