La fede è cristiana, ma la vita?

Johann Arndt

220px-Johann_Arndt

(1555-1621), I quattro libri del vero cristianesimo (1605), in R. Osculati, Vero cristianesimo, Bari, 1990, pagg. 65ss., passim

Altra grande figura della mistica e della teologia luterana pietista

Caro cristiano lettore, la vita atea ed impenitente di coloro che, riempiendosi la bocca, si gloriano di Cristo e della sua parola e purtuttavia conducono una vita del tutto non cristiana, come se non vivessero nel cristianesimo ma nel paganesimo, dimostra sufficientemente quale grande e vergognoso abuso si faccia del santo evangelo in questo ultimo mondo… non è abbastanza conoscere la parola di Dio, ma si deve pure condurla ad esercizio vivo e pratico

I cristiani ora vogliono avere un Cristo prestante, magnifico, ricco, mondano; ma nessuno vuole possedere il Cristo povero, mite, umile, disprezzato, basso, né riconoscerlo, né seguirlo… Poiché ognuno si chiama cristiano, ma non compie nulla di cristiano, il Cristo ne viene negato, disprezzato, schernito, calunniato, fustigato, crocifisso, abbattuto ed ucciso

Dove non c’è la vita di Cristo, colà non c’è neppure Cristo, anche se ci si gloria ancora talmente della fede e della dottrina. Infatti che cosa è mai la fede cristiana, senza una vita cristiana? Un albero senza frutti… Dove infatti c’è la vera fede, colà c’è Cristo e la sua vita santa. E dove attraverso la fede non si segue Cristo nella sua vita, colà non c’è fede, né Cristo, ma è spazzata via e negata. […]

Continua a leggere “La fede è cristiana, ma la vita?”

La “Chiesa interiore”

Jacob Böhme

Boehme-Portrait

(1575-1624) La via verso Cristo (1624), Bari, 1933

Jacob Böhme, calzolaio, teologo e mistico “autodidatta” fu una delle figure di maggior spicco di un protestantesimo esoterico e “pietista”. La sua via mistica è attualissima.

La vita giusta consiste nell’agire. Infatti lo spirito giusto agisce rettamente. Se è presente la volontà di agire, ma l’agire non ne segue, l’uomo giusto è imprigionato nel piacere vanaglorioso che trattiene l’agire ed è soltanto un ipocrita, un ismaelita. In un modo parla, in un altro agisce e testimonia che la sua bocca è menzognera. Infatti, quello che insegna non lo compie e si pone solo al servizio dell’uomo animale nella vanità…

Uno va in chiesa per 20 o 30 anni, ascolta le prediche, fa uso del sacramento, si fa assolvere e rimane un animale diabolico come gli altri…

Che cosa mi giova se entro nella chiesa dei muri? […]

Continua a leggere “La “Chiesa interiore””