Ho visto “Il caso Spotlight

Spotlight-copy-copy

Riprendo qui, ampliandolo un poco, il mio intervento pubblicato sul portale http://www.synesio.it sul film che ricostruisce l’indagine giornalistica riguardante i 249 preti accusati di pedofilia a Boston.

Ho visto “Il caso Spotlight”. E ne ho dedotto: che non è un film sulla pedofilia dei preti; che non è un film morboso; che non è un film d’azione; che non è un film da grandi performances attoriali… Non è, insomma, un sacco di cose che temevo fosse.

Ma è qualcosa di molto più interessante: è un film su come si dovrebbero fare le indagini giornalistiche (con buona pace delle “Iene”); è un film onesto verso le paure che incombono sulle società (per quanto civili…), sulle cittadinanze chiuse e ristrette; è un film corale, in cui nessun attore sta sopra le righe, ma tutti sono necessari alla splendida riuscita.

Ed è un film, sì, anche sulla Chiesa: sulla Chiesa-società, sulla Chiesa trasformata in semplice “cittadinanza”, sulla Chiesa quando diventa “mondana”. E’, più  precisamente, un film su quello che la Chiesa non dovrebbe mai ridursi a essere: una realtà che esiste per difendere se stessa affinché possa fare il bene.

Continua a leggere “Ho visto “Il caso Spotlight”

L’ONU e il Vaticano. Un paio di riflessioni

contro_pedofilia_interna-nuova

Come molti sanno, la scorsa settimana l’ufficio dell’ONU di Ginevra ha diffuso tre documenti sull’applicazione, da parte della Santa Sede, della Convenzione sui diritti del fanciullo, ratificata dal Vaticano nel 1990. Di questi documenti (di cui molti, anche giornalisti, parlano per l’ennesima volta senza averli letti e citandone solo una o due frasi) riporta un ampio riassunto e vari stralci utilissimi il sito vaticaninsider. Chi vuole avere un’idea abbastanza chiara e completa, quindi, può cliccare qui. A me, però, importa un altro genere di riflessione, anzi due.

Continua a leggere “L’ONU e il Vaticano. Un paio di riflessioni”

Non prevalebunt, non prevarranno

fiammella

Ieri, pranzando con amici, e commentando l’ennesimo caso di “malachiesa” che vedeva coinvolto un prelato romano nelle dinamiche infinite che l’avidità propone, qualcuno mi consigliava di aprire un “foglio” in più nel mio blog in cui raccogliere quotidianamente le tristi vicende per le quali, citando il profeta, “il nome di Dio è maledetto tra i popoli per causa nostra”… Dei titoli per una tale rubrica, a un certo punto è emerso quello che apre questo post: Non prevalebunt. Non prevarranno. Chi? E su cosa?

Continua a leggere “Non prevalebunt, non prevarranno”

“Voglio una Chiesa con il cuore che sanguini”

scandalo-conclave-770x625

Il caso di monsignor O’Brien (clicca qui) riporta in primo piano la questione della pedofilia a pochi giorni dal Conclave. Un libro, la cui edizione italiana ho personalmente curato e che le edizioni San Paolo hanno coraggiosamente pubblicato, affronta questo tema portando in evidenza, per la prima volta in Italia, la confessione di una donna che ha vissuto questa drammatica condizione nella solitudine e nell’abbandono a se stessa. Riporto qui una parte della postfazione, scritta da un sacerdote che si è fatto carico, in Belgio, di riflettere con serietà e onestà sul problema. Il libro da cui è tratta è Nessuno ti crederà.

«La riparazione istituzionale non potrà sfuggire a una pubblica richiesta di perdono. La parola perdono è difficile da comprendere e può essere soggetta ad ambiguità. Non è un termine solo religioso. Infatti, il perdono non può in alcun modo sostituirsi alla giustizia. Tuttavia, anche quando giustizia è fatta, la richiesta di perdono si pone. Ed è anzitutto la richiesta di perdono di chi ha molestato e abusato. Va da sé. La vittima ha bisogno di sentirla dalle sue labbra. Eppure ci troviamo anche di fronte a una dimensione sociale dell’offesa: al di là dell’aggressore, c’è una collettività che ha chiuso la vittima dentro il suo dolore. Vorrei che la gerarchia, i preti e le comunità cristiane osassero mettersi in gioco in questo perdono più ampio per mostrare che la responsabilità non è solo individuale, del singolo molestatore. Insisto su questo punto perché vedo una grande delusione, una rivolta in tante vittime che vedono questo perdono ecclesiale ridotto a pura formalità. Voglio parole forti, che scuotano la carne e il sangue. Vogliono sentire uno slancio sincero. Voglio una Chiesa con il cuore che sanguini, e che non abbia paura di farlo vedere.

Continua a leggere ““Voglio una Chiesa con il cuore che sanguini””