Come deve essere un vescovo

VanGogh_IlBuonSamaritano_HIGH_RGB.jpg

Se a qualcuno, quel che scrivevo nel post precedente, può essere parso un po’ duro, ecco una pagina paolina, dalla Prima lettera a Timoteo, capitolo 3, versetti 1 e seguenti e, di  seguito, dalla Prima lettera di Pietro, capitolo 5, versetti 1-4.

“È degno di fede quanto vi dico: se uno aspira all’episcopato, desidera un nobile lavoro.

Ma bisogna che il vescovo sia irreprensibile, non sposato che una sola volta, sobrio, prudente, dignitoso, ospitale, capace di insegnare, non dedito al vino, non violento ma benevolo, non litigioso, non attaccato al denaro.

Sappia dirigere bene la propria famiglia e abbia figli sottomessi con ogni dignità, perché se uno non sa dirigere la propria famiglia, come potrà aver cura della Chiesa di Dio?”

“Esorto gli anziani che sono tra voi, quale anziano come loro, testimone delle sofferenze di Cristo e partecipe della gloria che deve manifestarsi: pascete il gregge di Dio che vi è affidato, sorvegliandolo non per forza ma volentieri secondo Dio; non per vile interesse, ma di buon animo; non spadroneggiando sulle persone a voi affidate, ma facendovi modelli del gregge. E quando apparirà il pastore supremo, riceverete la corona della gloria che non appassisce”.

La differenza tra fede e religiosità

Karl Barth

(1886-1968), L’Epistola ai Romani, Milano, 1962, pagg. 72ss.; pagg. 238s.: il significato della fede e della religione, cit. in Archivum, op. cit..

La fede è la conversione, il radicale nuovo orientamento dell’uomo che sta nudo davanti a Dio, che per acquistare la perla di gran prezzo è diventato povero, che per amore di Gesù è pronto a perdere la sua anima. La fede stessa è fedeltà di Dio, sempre ancora e sempre di nuovo nascosta dietro e sopra le affermazioni, le buone disposizioni, le conquiste spirituali dell’uomo nei riguardi di Dio. La fede perciò non è mai compiuta, data assicurata, è sempre e sempre di nuovo, dal punto di vista della psicologia, il salto nell’incerto, nell’oscuro, nel vuoto. La carne e il sangue non ci rivelano questo (Mt 16, 17): nessun uomo può dirlo all’altro, nessuno può dirlo a se stesso. Quello che ho udito ieri, devo udirlo ancora oggi, dovrò udirlo ancora domani, come una cosa nuova…

Continua a leggere “La differenza tra fede e religiosità”