Il tesoro di rabbi Eisik

20110821-palestine-0248-l-640x240

Uno dei racconti della tradizione ebraica, reso noto da Martin Buber nel suo libro Il cammino dell’uomo. Ci sono cose che cerchiamo lontano, ma lontane non sono…

Ai giovani che venivano da lui per la prima volta, Rabbi Bunam era solito raccontare la storia di Rabbi Eisik, figlio di Rabbi Jekel di Cracovia. Dopo anni e anni di dura miseria, che però non avevano scosso la sua fiducia in Dio, questi ricevette in sogno l’ordine di andare a Praga per cercare un tesoro sotto il ponte che conduce al palazzo reale. Quando il sogno si ripeté per la terza volta, Eisik si mise in cammino e raggiunse a piedi Praga. Ma il ponte era sorvegliato giorno e notte dalle sentinelle ed egli non ebbe il coraggio di scavare nel luogo indicato.

Continua a leggere “Il tesoro di rabbi Eisik”

Annunci

Un sogno “primitivo”

MARTIN BUBER

buber

(1878-1965) Il dialogo, San Paolo 2013

Lo stesso sogno mi ritorna in tutte le sue variazioni, a volte dopo un intervallo di anni. Lo chiamo il sogno del doppio grido. L’ambiente in cui si svolge è sempre simile, un mondo semplice, «primitivo»: mi trovo in una vasta caverna, come le latomìe di Siracusa, o in una costruzione di fango, che al risveglio mi ricorda i villaggi dei fellah, o anche ai margini di una gigantesca foresta, di cui non ricordo averne visto l’uguale.

Continua a leggere “Un sogno “primitivo””