La giustizia di dio!

Lucio Cecilio Firmiano Lattanzio

lattanzio

(250ca-325ca) La morte dei persecutori, Proemio

A poca distanza dall’editto costantiniano, il grido di vittoria di Lattanzio: dichiarazione di libertà dei cristiani e di odio per i persecutori. Uno dei testi che porterà al rovesciamento delle violenze: nel giro di pochi decenni, i perseguitati in nome di dio diverranno, sempre in nome di dio, persecutori.

“Il Signore ha ascoltato, o carissimo Donato, le tue preghiere, che effondevi al suo cospetto in ogni ora e tutti i giorni, e quelle degli altri nostri fratelli, che ottennero con la loro confessione gloriosa la corona eterna per i meriti della propria fede.

Abbattuti tutti i nemici, tornata la tranquillità in tutto il mondo, la Chiesa, avvilita, di nuovo sorge e la misericordia del Signore ricostruisce, a maggior gloria di Dio, il tempio che era stato abbattuto dagli empi. Infatti Dio fece sorgere dei principi che spezzarono il nefando e crudele dominio dei tiranni e provvedettero al genere umano, così che, quasi dissipando la tenebra di quel tempo tristissimo, una pace serena e gioconda potesse rendere liete gli animi di tutti.

Continua a leggere “La giustizia di dio!”

La libertà religiosa

Costantino I il Grande

croppedimage701426-edittocostantino

in Lattanzio (250ca-325ca), La morte dei persecutori, xlviii

Si chiude il 1700 anniversario dell’Editto di Milano. Ecco il testo del documento che ha cambiato l’Occidente.

“Considerando che la libertà religiosa non deve essere negata, ma che deve essere permesso a ciascuno, secondo la propria volontà e discrezione, di vivere la propria religione con libertà, abbiamo da tempo ordinato che anche i Cristiani potessero conservare la propria fede e il proprio culto. […]

Continua a leggere “La libertà religiosa”

Cosa pensa Benedetto XVI della Gaudium et Spes

Nell’introduzione al libro che raccoglierà gli scritti ratzingeriani sul Concilio, di prossima uscita (a novembre per i tipi dell’editore Herder e a cusa dell’arcivescovo Gerhard L. Müller, prefetto della congregazione per la dottrina della fede),  il Papa indica con chiarezza alcune sue riflessioni sulla riuscita e sui limiti del Vaticano II. Tra le cose meno efficaci, cita la Gaudium et Spes (tra le efficaci, Nostra Aetate (rapporto con gli Ebrei) e Dignitatis Humanae (libertà religiosa).

Vale la pena leggere integralmente il testo che certamente obbliga a non poche riflessioni. Qui si seguito citiamo solo il passo che riguarda la Costituzione sulla Chiesa nel mondo contemporaneo.

Continua a leggere “Cosa pensa Benedetto XVI della Gaudium et Spes”