L’ossimoro: presbitero e giovane. E l’ipotesi seria di un diaconato (impermanente)

350px-San_galgano_fuori

Riprendo e cerco di concludere la riflessione iniziata ieri.

Come si può essere presbitero (ossia “anziano”) a 25 anni? Ma anche a 30? Come si può anche solo pensare di governare le coscienze altrui e le forme di vita altrui (poiché questo è il ministero pastorale nella sua essenza: governo delle strutture e dei cuori, nel senso migliore del termine, s’intende), quando si è appena all’inizio del lavoro di governo su di sé?

Continua a leggere “L’ossimoro: presbitero e giovane. E l’ipotesi seria di un diaconato (impermanente)”

Annunci