CONTARE TUTTI, CONTARE SEMPRE

 

12246739_195088254159809_8222767622404923642_n

Riprendo dal sito www.synesio.it questo mio breve intervento… 

Tutti parlano, in questi giorni, dell’unica cosa che sembra contare: la questione della guerra con Isis. E in effetti, la faccenda conta, conta molto. Conta il numero dei morti di Parigi, ma conta anche quelli di un aereo russo fatto precipitare; conta il numero dei civili uccisi a Raqqa, ma anche quello dei libanesi innocenti; conta il numero delle vittime curde, e anche quello dei morti nigeriani; e poi conta il numero dei morti in Iraq e quelli delle manifestazioni in Egitto dopo la caduta di Mubarak; e poi conta il numero dei morti palestinesi e di quelli israeliti; e poi… e poi… Non contano solo coloro che vogliono farci contare.

Continua a leggere “CONTARE TUTTI, CONTARE SEMPRE”

Là dove i Giusti si scambiano i loro messaggi

Auden portrait

1 SETTEMBRE 1939 di Wystan Hugh AUDEN (1907-1973)

Una delle cose più belle che ho trovato navigando in questi giorni, postate come riflessione sugli eventi di Parigi. Troppo dimentichiamo i luoghi profondi dove giungono talvolta i poeti…

Siedo in una delle bettole
della Cinquantaduesima strada
incerto e spaventato
vedendo scadere le astute speranze
d’un decennio basso e disonesto:
onde di rabbia e di paura
circolano per le luminose
e oscurate contrade della terra,
ossessionando le nostre vite private;
l’indicibile odore della morte
offende la notte di settembre.

Le ricerche degli esperti possono
riesumare intera l’offesa
che da Lutero ad oggi
ha fatto impazzire una cultura,
scoprire quello che successe a Linz,
quale immensa illusione ha creato
un dio psicopatico:
io e il pubblico sappiamo
quel che i bambini imparano a scuola,
coloro a cui male è fatto,
male faranno in cambio.

Continua a leggere “Là dove i Giusti si scambiano i loro messaggi”