L’omelia dev’essere ‘chiarozza chiarozza’

Bernardino da Siena

sanBernardino

(1380-1444), da Le prediche volgari inedite, a c. di D. Pacetti, Siena, 1935

“Declaratio sermonorum tuorum illuminat, et intellectum dat parvulis. (Salmo “Davidis” centesimo decimo ottavo).

Le parole preallegate, dilettissimi, so’ di Davit profeta al salmo 118, parlando inverso Idio, dicendo così: “La dichiarazione de’ tuoi sermoni illumina, e lo intelletto dà a’ parvoli”. E tutto questo che esso ha detto, ha detto a nostra utilità per dirizzare le menti sì del predicatore, il quale parla il sermone di Dio, e sì di coloro che vogliono stare a udire e intèndare e operare. E chi andasse cercando quante cose si richiedarebbe a volere dichiarare la parola di Dio, assai ne trovarebbero; ma pigliaremone solamente tre.

Primo, il dicitore.

Sicondo, la materia.

Terzo, l’auditore.

Continua a leggere “L’omelia dev’essere ‘chiarozza chiarozza’”