Tra Apollo, Cristo e Mitra…

Mentre ringrazio Italia Medievale e il Museo Archeologico di Milano, che hanno ospitato la presentazione del mio libro, posto questo video che Maurizio Calì e i suoi collaboratori hanno girato durante l’incontro.

Annunci

Cristo e/o Costantino

santo imperatore

Mi permetto di invitare chi potrà e vorrà alla presentazione del mio libro sull’imperatore Costantino e sulla svolta che produsse nella comprensione del cristianesimo (che ha ancora ricadute sull’oggi). E  qui di seguito un breve brano dal libro.

«Siamo figli di una cultura che fa coprire braccia e gambe nude nelle cattedrali, ma che non ha alcuna vergogna a unire croce e guerre, nell’immaginario e, non ne dubitiamo, nel sogno di molti. Un doloroso esempio di questa confusione che ci portiamo appresso nelle cose di Chiesa? È persino troppo facile: il momento che più incisivo resta nella memoria dell’ultimo secolo cristiano non è il Concilio Vaticano II (la maggioranza di coloro che si dicono credenti probabilmente neppure sa quando venne celebrato, o quali documenti vi furono prodotti, e quali scelte straordinariamente innovative che dovrebbero fare da guida per ciascuno), ma il funerale di Giovanni Paolo II. Ebbene, chi avesse posato attentamente il proprio sguardo su quell’evento, non avrebbe evitato di notare come le prime file della celebrazione fossero occupate dai potenti del mondo. Molti di loro erano donne e uomini dalle mani sporche di sangue. Lo si tacque, allora, e non lo si dice volentieri oggi.

Continua a leggere “Cristo e/o Costantino”

Ho visto “Il caso Spotlight

Spotlight-copy-copy

Riprendo qui, ampliandolo un poco, il mio intervento pubblicato sul portale http://www.synesio.it sul film che ricostruisce l’indagine giornalistica riguardante i 249 preti accusati di pedofilia a Boston.

Ho visto “Il caso Spotlight”. E ne ho dedotto: che non è un film sulla pedofilia dei preti; che non è un film morboso; che non è un film d’azione; che non è un film da grandi performances attoriali… Non è, insomma, un sacco di cose che temevo fosse.

Ma è qualcosa di molto più interessante: è un film su come si dovrebbero fare le indagini giornalistiche (con buona pace delle “Iene”); è un film onesto verso le paure che incombono sulle società (per quanto civili…), sulle cittadinanze chiuse e ristrette; è un film corale, in cui nessun attore sta sopra le righe, ma tutti sono necessari alla splendida riuscita.

Ed è un film, sì, anche sulla Chiesa: sulla Chiesa-società, sulla Chiesa trasformata in semplice “cittadinanza”, sulla Chiesa quando diventa “mondana”. E’, più  precisamente, un film su quello che la Chiesa non dovrebbe mai ridursi a essere: una realtà che esiste per difendere se stessa affinché possa fare il bene.

Continua a leggere “Ho visto “Il caso Spotlight”

La banalità del male

Uno splendido spezzone dal film di Margaret Von Trotta su Hannah Arendt: il discorso su Eichmann e sul valore umano del “pensiero”. E’ il mio augurio per l’anno nuovo.

Video ripreso dalla pagina youtube di Marino Crivellari.

 

 

Sulla stupidità

Una breve riflessione sul libro bonhoefferiano LA VITA RESPONSABILE, da me curato in occasione del 70° anniversario del martirio del teologo di Tegel (9 aprile scorso) e registrato per il  sito www.synesio.it su cui pure è stato pubblicato.

CONTARE TUTTI, CONTARE SEMPRE

 

12246739_195088254159809_8222767622404923642_n

Riprendo dal sito www.synesio.it questo mio breve intervento… 

Tutti parlano, in questi giorni, dell’unica cosa che sembra contare: la questione della guerra con Isis. E in effetti, la faccenda conta, conta molto. Conta il numero dei morti di Parigi, ma conta anche quelli di un aereo russo fatto precipitare; conta il numero dei civili uccisi a Raqqa, ma anche quello dei libanesi innocenti; conta il numero delle vittime curde, e anche quello dei morti nigeriani; e poi conta il numero dei morti in Iraq e quelli delle manifestazioni in Egitto dopo la caduta di Mubarak; e poi conta il numero dei morti palestinesi e di quelli israeliti; e poi… e poi… Non contano solo coloro che vogliono farci contare.

Continua a leggere “CONTARE TUTTI, CONTARE SEMPRE”

La pietra e la fionda

maxresdefault

Salvatore Quasimodo, 1946

Me l’ha ricordata un amico, la ripropongo qui. In questi giorni di riflessioni convulse. Perché la violenza, Caino, è sempre violenza. Sempre.

Sei ancora quello della pietra e della fionda,
uomo del mio tempo. Eri nella carlinga,
con le ali maligne, le meridiane di morte,
t’ho visto – dentro il carro di fuoco, alle forche,
alle ruote di tortura. T’ho visto: eri tu,
con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,
senza amore, senza Cristo. Hai ucciso ancora,
come sempre, come uccisero i padri, come uccisero
gli animali che ti videro per la prima volta.
E questo sangue odora come nel giorno
Quando il fratello disse all’altro fratello:
«Andiamo ai campi». E quell’eco fredda, tenace,
è giunta fino a te, dentro la tua giornata.
Dimenticate, o figli, le nuvole di sangue
Salite dalla terra, dimenticate i padri:
le loro tombe affondano nella cenere,
gli uccelli neri, il vento, coprono il loro cuore.

Pastori che si lamentano

Bundesarchiv_Bild_183-R0211-316,_Dietrich_Bonhoeffer_mit_Schülern

D. Bonhoeffer, La vita comunitaria del cristiano, Città Nuova

Un pastore non deve lamentarsi della sua comunità né davanti agli uomini né, tanto meno, davanti a Dio; essa non gli è affidata perché egli si faccia suo accusatore davanti a Dio e agli uomini. chi sta per commettere l’errore di accusare la comunità cristiana nella quale si trova a vivere, si chieda innanzitutto se non è proprio l’immagine illusoria che porta con sé a dover essere distrutta da Dio e, quando sia davvero così, ringrazi Dio di averlo condotto in questa situazione tanto difficile. se, al contrario, le cose stanno diversamente, si guardi egli in ogni caso dal diventare l’accusatore della chiesa di Dio; accusi piuttosto se stesso per la propria incredulità; preghi Dio di fargli conoscere dove ha sbagliato o peccato, e di preservarlo da una colpa ulteriore verso i fratelli; interceda per loro, riconoscendo il proprio errore; si dedichi al compito che gli è stato assegnato. e ringrazi il signore.

Perché la meditazione vi fa bene? (Un allenamento alla felicità)

lehava akko via the PikiWiki - Israel free image collection project

Il brano è tratto non da un libro di mistica o di religione, ma di psicologia: Perché le persone felici vivono più a lungo, edito da San Paolo; l’autore è uno studioso francese, Jordi Quoidbach.

Già nota ai buddisti da millenni, la pratica della meditazione ha recentemente attirato l’attenzione degli scienziati. Infatti, un numero impressionante di ricerche empiriche sembra indicare che la meditazione è collegata al benessere. Di conseguenza, praticare la meditazione aiuta le persone a gestire lo stress, l’ansia, i dolori cronici, ecc.. La meditazione, d’altronde, è oggi inclusa in varie forme di terapie cognitive e produce eccellenti risultati nel trattamento e nella prevenzione della depressione. Esistono numerose forme di meditazione. Qui vi propongo la scoperta di due di queste, i cui effetti benefici sono stati provati scientificamente a più riprese: la meditazione di piena coscienza (o mind-fulness) e la meditazione loving-kindness. La meditazione di piena coscienza.

Continua a leggere “Perché la meditazione vi fa bene? (Un allenamento alla felicità)”

Cosa c’è nelle chiese (secondo Rilke)

rainer_maria_rilke2_1207781850

Che dire di fronte a questa pagina, se non: “Ah, Rilke!…”

(testo tratto da Lettere a un giovane poeta, Adelphi)

«Io ho un’amata, quasi una bambina ancora, che lavora a domicilio; e così, spesso, quando c’è poco lavoro, cade in una situazione difficile. E’ destra, troverebbe facilmente impiego in una fabbrica, ma teme di avere un padrone.  La sua idea di libertà è sconfinata. Non vi stupirà che ella senta anche Dio come una sorta di padrone, anzi come l’Arcipadrone, come mi disse una volta, ridendo, ma con il terrore negli occhi.

Continua a leggere “Cosa c’è nelle chiese (secondo Rilke)”