La tradizione come ascolto e dialogo

Henri de Lubac

de-lubac

(1896-1991), Cattolicesimo. Gli aspetti sociali del dogma, Studium

De Lubac scriveva questa pagina nel 1941! Vale per il decennio seguente, per quello seguente ancora e per il nostro. Sono sempre più stupito di come gli ultimi decenni della Chiesa siano state incapaci di ascolto e di memoria nei confronti dei grandi profeti (ma forse è proprio della profezia vera, questo vivere in tempi lunghi…).

Il vagheggiamento del passato è una chimera che fomenta gli scismi o una puerilità che inaridisce lo spirito. Dobbiamo innanzitutto essere consapevoli della diversità estrema delle teorie che, sui mille aspetti in cui la verità religiosa entra a contatto con le nostre preoccupazioni umane, sono state professate nel corso della storia cristiana. Dobbiamo percepire con chiarezza in quale larga misura quelle teorie sono relative a una situazione sociale, intellettuale, culturale sempre in moto. Se avremo presenti queste cose, allora potremo in tutta sicurezza ammirare l’unità imponente della grande corrente tradizionale, che con le sue onde di continuo rinnovate, e pura da ogni contaminazione reca sempre la stessa fede indefettibile.

Quando ci saremo resi conto nel modo più fermo fino a qual punto nelle nostre maniere di reagire – anche in quelle di reagire alla Rivelazione – e negli atteggiamenti del nostro pensiero – anche del pensiero che si applica al dogma – siamo necessariamente diversi da san Paolo, da Origene, da Tommaso d’Aquino o da Bossuet, da un monaco della tebaide, da un artigiano del Medioevo o da un neo-convertito cinese, allora percepiremo in tutta la sua profondità l’intimo vincolo della comunione che ci unisce a tutti loro nello stesso dogma di cui essi vivevano come ne viviamo noi oggi

Allora il ritorno alle fonti dell’antichità sarà tutt’altro che una fuga verso un passato ormai morto. Capiremo che sarebbe per noi di danno la rinuncia alle acquisizioni molteplici che ci hanno procurate secoli di analisi e di ricerca scientifica e a quelle precisioni di valore permanente che sono state raggiunte per mezzo di controversie. …

Sarà da respingere anche l’idea secondo la quale l’età moderna, estraniatasi dalla Chiesa, non avrebbe conosciuto altro che l’errore e la decadenza. E’ questa un’illusione, una tentazione a cui si è da parte nostra ceduto anche troppo. L’età della “filosofia separata” dalla fede fa parte di un disegno provvidenziale come le altre età; e il frutto dell’immenso lavoro di riflessione che si è in essa compiuto e che ancora si compie ogni giorno da parte di un pensiero indipendente dalla fede non deve essere lasciato, per colpa nostra, fuori dal cattolicesimo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...