Porre domande

george_steiner

George Steiner, La nostalgia dell’assoluto, Bruno Mondadori, pagg. 77-79

Una pagina di Steiner (1929), provocatoria come gran parte del suo pensiero.

Noi continueremo a porre domande. Il filosofo tedesco Heidegger centra il problema quando dice che le domande sono la pietà, la preghiera del pensiero umano. Io sono un po’ più brutale. Noi, in Occidente, siamo animali fatti per porre domande e per cercare di ottenere risposte, costi quel che costi. Non istituzionalizzeremo l’innocenza umana. Ci possiamo provare, di tanto in tanto. Possiamo cercare di trattare con più attenzione l’ambiente. Possiamo cercare di evitare almeno in parte la brutale devastazione, le crudeltà inutili nei confronti degli animali, nei confronti degli esseri umani meno privilegiati…

Ma, in ultima analisi, siamo degli animali carnivori abbastanza crudeli, fatti per andare avanti e superare e distruggere gli ostacoli. Anzi, l’ostacolo esercita su di noi un’attrazione magnetica. C’è qualcosa nel fondo di ciascuno di noi che preferisce le difficoltà, che cerca le questioni aggrovigliate. Al livello più elevato, questo avviene perché i più dotati, i più vitali fra noi sanno da tempo – senza avere magari mai articolato questa consapevolezza – che la verità è più complessa dei bisogni dell’uomo, che in realtà può essere totalmente estranea e nemica di questi bisogni. Era una convinzione profondamente ottimistica, propria del pensiero classico greco e certamente del razionalismo in Europa, che la verità fosse in qualche modo amica dell’uomo… Io ho in mente un’immagine della verità che sta in agguato dietro l’angolo aspettando che l’uomo si avvicini, pronta a dargli una bastonata in testa. …

Oggi ci sentiamo dire dai campioni dell’ecologia che siamo ospiti su questa terra. E’ indubbiamente vero. E siamo certamente ospiti in un universo vastissimo e incomprensibilmente potente i cui fatti, le cui relazioni non sono stati ritagliati a nostra misura e per soddisfare i nostri bisogni. Eppure la ricerca disinteressata della verità è ciò che ci attribuisce una superiore dignità. E non c’è più grande disinteresse di quello che mette a rischio e forse sacrifica la sopravvivenza umana.

Io sono convinto che la verità abbia un futuro; è molto meno chiaro se lo abbia l’uomo. Ma non posso fare a meno di avere un sospetto su quale dei due sia più importante.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...