L’inutile “religiosità” dell’avido

 

Pier Damiani

225px-Pierodamiani2

(1007-1072), Opuscolo ai cardinali, in PL 145, 533. Da J.I.G. Faus, Vicari di Cristo, Bologna. 1995, pag. 138

Uno può anche essere casto, sobrio, ospitale, può nutrire i poveri, digiunare, può non dormire e passare notte e giorno cantando salmi, che, se però è avido, ha perso già tutto, fino al punto che, tra tutti i rei di crimini diversi, non si troverà nessuno peggiore di lui… Che ti servirà allora non uccidere? O non commettere adulterio? O non giurare il falso e conservarti immune da ogni peccato? Fin quando non getterai via da te l’avidità, non ci sarà nessuno peggiore di te… Non c’è cosa più iniqua che l’amore del denaro.”

Annunci

Un pensiero riguardo “L’inutile “religiosità” dell’avido

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...