Commento valdese al Padre nostro

 

valdo_small

 

Da R. Nelli, Scrittori anticonformisti del medioevo provenzale, II, Milano, 1996, pagg. 36ss.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano”

Possiamo intendere due tipi di pane: pane corporeo e pane spirituale. Con il pane corporeo si intende il cibo e il vestito, e le cose necessarie al corpo, senza le quali non possiamo vivere naturalmente. Il pane spirituale è la parola di Dio, il corpo di Cristo senza il quale l’anima non può vivere. Si riferisce a questo pane ciò che Cristo diceva ai suoi discepoli: Chiunque mangerà di questo pane vivrà in eterno.

Pertanto, ciascuno deve chiedere umilmente questo pane a Dio, che può darlo, dicendo: Padre nostro, concedi a noi la grazia di poter conquistare con una giusta fatica il pane necessario al nostro corpo, di usarne con temperanza e misura, rendendoti sempre lodi e grazie, e di farne parte in carità ai poveri. Ti preghiamo inoltre che ti piaccia di fare in modo che usiamo di questo pane con temperanza. Infatti il profeta Ezechiele dice “che l’abbondanza e la sazietà di pane, l’ozio e il gioco sono stati causa dell’iniquità, dell’abominio e del peccato di Sodoma, che fu tanto abominevole al cospetto di Dio che egli mandò fuoco e zolfo dal Cielo e li consumò”. Perciò un certo sapiente dice che le vesti delicate e il cibo superfluo, il gioco e l’ozio e il dormire ingrassano il corpo, alimentano la lussuria, indeboliscono la mente e conducono l’anima alla morte. Invece la tavola sobria, il lavoro, il sonno breve e il vestito ruvido purificano l’anima, domano il corpo, mortificano la lussuria e confortano lo spirito.

 

Il pane spirituale è la parola di Dio. Di questo pane il Profeta diceva: Il tuo pane mi vivifica.

 

 

Non indurci in tentazione”

 

Nessuno deve chiedere a Dio di non lasciarsi tentare Infatti l’apostolo san Paolo dice che nessuno sarà coronato se non avrà combattuto lealmente e fedelmente contro il mondo, contro la carne e contro il diavolo. E san Giacomo dice che beato è colui che subisce la tentazione. Perché dopo essere stato messo alla prova, riceverà la corona di vita. Infatti nessuno può resistere alla potenza del diavolo senza la grazia divina. Dobbiamo pregare umilmente con devozione e continue preghiere il Padre celeste di non farci cadere in tentazioni e conflitti. Ma, combattendo, di farci ottenere la vittoria e la corona mediante la sua grazia, che egli ha apprestato per dare a noi. Non si deve credere che egli esaudisca piuttosto e più volentieri il diavolo che il cristiano. …”

 

Annunci

2 thoughts on “Commento valdese al Padre nostro

  1. Senta Benazzi, niente male quel che lei generalmente scrive compreso anche stamattina con questo ripescaggio del commento valdese.La spiritualità protestate ha 500 anni di storia+ 330 di valdismo pre-riformato( am si potrebbe paralre con Valdo, Hus, Wicliff etc di prima Riforma… Ma il libro da cui lei trae la citazione medioevale è ancora in commercio ? Mi complimento con lei per la sua rubrica, inesauribile fonte di stimoli. Se ha tempo si legga il mio breve commentino biblico settimanale sul sito della chiesa valdese nazionale. La seguo. Cordialità Giuseppe Platone

    Mi piace

    1. La ringrazio davvero per questo suo graditissimo intervento. Mi onora il suo apprezzamento. Credo profondamente che la storia della chiesa sia la storia delle sue “tradizioni”, ciascuna portatrice di una irripetibile ricchezza. Il libro di René Nelli, purtroppo, non è più in commercio in Italia (bisognerebbe indagare sull’originale francese). La seguirò certamente sul sito della Chiesa valdese (tra l’altro avevo apprezzato il suo intervento al convegno interreligioo dello scorso anno sulla sofferenza).

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...