Amore e giustizia

Simone Weil

simone_weil1

(1909-1943. Da Attente de Dieu)

Il Cristo ha detto … che avrebbe ringraziato un giorno i suoi benefattori dicendo loro: «Avevo fame e mi avete dato da mangiare.» Chi può diventare benefattore di Cristo se non Cristo stesso? Come può un uomo dar da mangiare a Cristo, se non è, almeno per un istante, innalzato a quello stato di cui parla san Paolo, per cui non è più lui che vive, ma il Cristo solo vive in lui?

Nel testo evangelico si parla solo della presenza del Cristo nello sventurato. Tuttavia sembra che la dignità spirituale di colui che riceve non sia in gioco. Bisogna allora ammettere che è il benefattore stesso, in quanto portatore di Cristo, a far entrare il Cristo nello sventurato affamato, attraverso il pane che gli dona. L’altro può acconsentire o meno a questa presenza, esattamente come colui che riceve la Comunione. Se il dono è ben donato e ben ricevuto, il passaggio di un pezzo di pane da un uomo a un altro è qualcosa di simile alla vera Comunione.

I benefattori di Cristo non sono detti, da lui, né amorevoli, né caritatevoli. Sono detti giusti. Il Vangelo non fa distinzione tra amore del prossimo e giustizia. … Siamo noi ad avere inventato la differenza tra giustizia e carità. Ed è facile capire perché. La nostra nozione di giustizia dispensa colui che possiede dal donare. E se dona, costui crede di poter essere soddisfatto di sé. Pensa di aver fatto un’opera buona. Quanto a colui che riceve, a seconda di come comprende questa nozione, o ne viene dispensato dalla ben che minima gratitudine, o ne viene costretto a ringraziare umilmente.

Solo l’identificazione assoluta della giustizia e dell’amore rende possibili, contemporaneamente, da un lato, la compassione e la gratitudine e, dall’altro, il rispetto della dignità della sventura dello sventurato da parte di lui stesso e da parte degli altri. …

Colui che tratta da uguali coloro che il rapporto di forze pone molto al di sotto di lui, fa loro dono della qualità di esseri umani di cui la sorte li aveva privati. Per quanto è possibile a una creatura, riproduce ai loro occhi la generosità originaria del Creatore.

Annunci

Un pensiero riguardo “Amore e giustizia

  1. La purezza del cuore, la passione per la giustizia, la tenacia della pace, la profondità della compassione e la fedeltà alla parola data sono fari che illuminano il cammino di fede che salva il mondo dalla corruzione.
    L’Uomo non è l’eterno bambino capace di farsi da sé le proprie regole e la propria vita, nel perfetto disinteresse per la vita degli altri. Uomo è colui che ha mostrato di essere realmente in grado di onorare l’amore e la giustizia, a costo di ogni sacrificio, senza farsi corrompere e senza vendere l’anima. La prova sta nella sua capacità di farsi carico della vita di altri, compresi quelli che sono troppo giovani o troppo vecchi, o troppo vulnerabili o troppo feriti…Uomo è “colui che tratta da uguali coloro che il rapporto di forze pone molto al di sotto di lui”.
    L’amore e la giustizia sono fatti per stare insieme. La loro alleanza è il nostro riscatto. Non si tratta di andare dove ci porta il cuore, ma di portare il cuore ovunque si vada.
    Una società veramente giusta dovrebbe rispondere a tutti i bisogni dell’uomo, anche a quelli che non possono essere oggetto di prestazioni economicamente rilevanti e che quindi non possono essere ridistribuiti sulla base di criteri di quantità. L’amore non si compra e non si ridistribuisce, si dona; non si divide ma si moltiplica, non ce ne si priva ma si condivide. L’amore non può essere delegato ma ci coinvolge direttamente con la storia e la vita di chi si ama e di chi si aiuta per amore.
    La nostra società non puo più fare a meno dell’amore, il contributo di ciascuno, il “di più” d’amore che ciascuno può dare è dunque necessario. Una società più giusta non dipende solo da piani di sviluppo sociale o d’assistenza efficienti, ma dal contributo d’amore che ciascuno di noi è chiamato a dare. Tutti siamo dunque necessari con tutto noi stessi per costruire un mondo migliore.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...