Vorrei scrivere al papa…

images-Vaticano

Buongiorno papa Francesco!

Non riesco a immaginare miglior esordio per questa lettera, poiché tu stesso ti sei rivolto a noi augurandoci una buona sera, all’inizio del tuo discorso, e un buon riposo, come congedo. E poi, devo subito aggiungere che è particolarmente emozionante chiamarti con questo nome, che tante risonanze ha e tante immagini di futuro apre per la Chiesa: il nome di Francesco, che è immediatamente di rimando al santo di Assisi, ma che per te, gesuita, non può che evocare anche altre assonanze – quelle di Francesco Saverio, amico di Ignazio, e quasi cofondatore dell’Ordine religioso cui appartieni. Pensa che è stato un amico laico, che si nutre di scienza e di modernità, a farmi notare questa seconda suggestione. Laici e credenti, non siamo forse tutti abbeverati a un’unica fonte, della continuità e contiguità della vita?

D’altra parte, se sento di essere nel giusto quando ti dico buongiorno, pure non ti chiamo Santità e godo nel pronunciare il nome di Francesco; l’unica parola che non sento precisamente tua è proprio “papa”. Non l’hai usata, presentandoti al mondo. Hai parlato di te come del vescovo di Roma, e del tuo predecessore come del vescovo emerito. E’ un primo passo verso una nuova comprensione della comunione e della fraternità? Di certo, significa ricordare il motivo per cui sei il papa: vescovo della comunità di Pietro e di Paolo, pastore di uno dei luoghi dove il cristianesimo affonda le sue radici.

Riascoltare il tuo lungo e semplice saluto rivolto alla comunità di Roma e al mondo intero e ripercorrere i primi gesti che i quotidiani hanno diffusamente riportato, è stato, per me, come bagnarmi di nuovo all’acqua fresca di un torrente. Mi mancava, quest’acqua, da troppo tempo: la tua richiesta di pregare insieme, prima di benedire; il toglierti la stola subito prima dopo la benedizione; l’esserti presentato solo con l’abito bianco, senza la croce d’oro; l’aver preso il pulmino con gli altri cardinali; l’aver pagato l’albergo…. Ma soprattutto, l’aver chiesto, da subito, ai confessori di essere misericordiosi, l’aver ricordato nella tua prima omelia che il movimento e non la stasi è il “metodo” della chiesa….

Siamo di fronte a qualcosa di nuovo? So che è presto per saperlo e per dirlo. Ma quel che sembri mostrarci è, finalmente, il ritorno a una paternità e fraternità svestita dal sacro e proposta in modo quotidiano. E’ quello che ci aspettiamo, che desideriamo, l’unica via sensata perché il messaggio evangelico non sia pane raffermo e vino rancido. Hai evocato, in me, una “riforma spirituale”; e Dio sa quanto ne abbiamo bisogno (tutti noi, che critichiamo il male e il potere del Vaticano, abbiamo in fondo un piccolo Vaticano in cuore, da cui dobbiamo liberarci).

Francesco papa, nel nome di Francesco povero, aiutaci dunque a liberare noi stessi (innanzitutto), e poi la Chiesa e il mondo in cui viviamo (e in cui i nostri figli vivranno) da quella che tu stesso hai chiamato “mondanità dello spirito”.

Annunci

26 thoughts on “Vorrei scrivere al papa…

  1. la continuità di papa Francesco con il nostro amato Martini è il filo conduttore di un grande disegno che realizzerà il respiro che attendiamo. Amelia

    Mi piace

      1. Nel 2001 quando si tenne a Roma la X Assemblea generale ordinaria del Sinodo, i vescovi del mondo furono chiamati a riflettere sulla figura del vescovo nella Chiesa del nuovo millennio. Il card. Jorge Mario Bergoglio, che nel primo saluto dopo la sua elezione ha parlato di se stesso come del “vescovo di Roma”, aveva il ruolo di relatore aggiunto e affermava:

        “Tutti i vescovi uniti a tutta la Chiesa, riconoscono nel vescovo di Roma, successore di Pietro, il principio e il fondamento visibile dell’unità nella fede e della comunione”.

        Questo forse è proprio il vescovo di cui la Chiesa ha bisogno, un uomo di Dio in cammino col suo popolo…ti ricordi quando, subito dopo la morte di Martini, ti chiedevi come avremmo fatto a coltivare l’orto che Lui aveva seminato per noi??…ecco, credo che Papa Francesco potrebbe essere la risposta.

        Mi piace

      2. Io chiedo a Papa Francesco, di proteggere la Sua vita a lungo, perchè il Suo lavoro è importante e urgente. Dare credibilità alla Chiesa, a Dio e alla Politica. Lo scenario che stiamo vivendo in questo periodo mette seriamente in discussione questi ambiti, almeno con me. Faccio sempre più fatica a credere nell’esistenza di Dio, sia per quanto riguarda la mia vita personale, che quella sociale e politica del mondo e del mio paese che è l’Italia.
        Inoltre, mi piacerebbe attivarmi e fare qualcosa di concreto per la società e il mondo. Ho 52 anni, sono single e vivo a Genova. Voglio dare un senso concreto a questa mia esistenza. Voglio farlo da laica, senza quindi prendere voti. Sono parz. disabile e ho difficoltà a deambulare, le chiese di Genova, pur essendo luoghi pubblici, hanno barriere architettoniche e questo rende difficile l’accesso alle parrocchie, ai luoghi di culto. A mio avviso è anche una forma di emarginazione e discriminazione. Grazie!!
        Giulia – Genova.

        Mi piace

  2. Nei mesi scorsi ci hanno lasciato personaggi che stavano trasformando la Chiesa con la loro vita e il loro insegnamento: Panikkar, Martini… Come non mai ho la sensazione che il loro lavoro stia misteriosamente continuando.

    Mi piace

    1. Avverto una sensazione simile…un po’ come se si trovassero nella stanza accanto alla nostra…c’è una continuità che non si spezza….un po’ come se con la morte fossero semplicemente passati da un piano a un altro senza mai lasciarci veramente.

      Mi piace

  3. Forse una manifestazioni di modestia dal Vaticano aiuterebbe me e tantissimi altri ad avvicinarsi nuovamente al mondo cattolico, ammirabile il comportamento del nuovo papa,(che bello vederlo con scarpe “normali”) comunque un uomo tra gli uomini e non una semplice icona.

    Mi piace

  4. Ho letto la notizia pochi minuti dopo ad un televisore posto in un Bar, mi ha colpito le tantissime persone che stavano li’ ad aspettare , vedevo in queste la gioia. Sono uscito per andare a prendere la macchina, dentro di me successo qualcosa xche non so’ spiegarmi , ho avuto subito la convinzione che questo sarebbe stato un grande Papa , mi e’ venuto il nodo alla gola , ma sono sentito talmente felice in una maniera indescrivibile . Dopo circa un’ora ho avuto , e abbiamo avuto la conferma che il nuovo Pastore era già con noi , adesso riporterà’ all’ovile tutte le pecorelle smarrite e ci condurrà nella strada della Pace tra gli uomini.

    Mi piace

  5. Chissà se riesce a riportare all’ovile tutte le pecorelle smarrite,io sono tra le smarrite,e rimarrò sicuramente tale.Se per mangiare a casa mia e sottolineo “mangiare” si presentasse il diavolo,gli venderei sicuramente l’anima per sopravvivere. Oggi siamo stanchi di pregare e pregare,non rimane che lasciarsi andare piano piano,aspettando la fine.

    Mi piace

    1. Caro Carlo…scusa se mi intrometto, ma questo tuo commento mi ha colpita molto e vorrei risponderti, augurandomi di non infastidirti troppo…
      Ciascuno di noi può e deve aspirare alla felicità, alla pace della mente e dello spirito, anche se a volte si sente perduto…prima o poi, lo slancio e l’energia ritorneranno. Quanti hanno abbandonano la presa appena qualche istante prima che le forze risorgano in loro…ed è un peccato… stavano finalmente per essere salvati, ma non hanno avvertito nulla di quel rinnovamento e si sono arresi.
      Quali che siano i tuoi tormenti, non lasciare che il tuo cielo si oscuri completamente, può darsi che non tutto sia perduto, aspetta ancora un po’…l’oscurità potrebbe incominciare a dissiparsi da un momento all’altro!
      E comunque sia, ricorda che se anche venderai l’anima al diavolo, Dio non smetterà certo di amarti…anzi ti amerà ancora di più!!!
      Cristina

      Mi piace

  6. Il mondo aspettava purezza. Il candore della neve caduta ieri, inattesa, nella mia città è come quello dell’uomo vestito di bianco. Che da Lui vengano candore e rinnovamento per il mondo intero e che oggi sia l’inizio di un radioso cammino per Papa Francesco

    Mi piace

    1. Mentre ringrazio Gaetano per la segnalazione, sottolineo una cosa che credo importante: si tratta di collegamenti a facebook e twitter, per cui diventano pubblici, e sono rivolti certamente al papa, ma NON C’E’ ALCUNA GARANZIA CHE IL PAPA LI LEGGA. Sono semplicemente spazi di comunicazione aperta. L’immagine che il sito usa (lettera al papa e, di seguito, quella che sembra una risposta del papa stesso) è ingannevole.

      Mi piace

      1. Concordo con te. Non c’è nessuna garanzia che il papa legga effettivamente i messaggi che gli scrivono! Però, guardando l’immagine che a cui ti riferisci, quella non è una risposta del Papa! Quello è un tweet del Papa (c’è anche la data 31 Mar). Quello sopra è invece un twett arrivato al Papa (penso inviato tramite il sito)…forse quello è solo un modo per far capire alle persone in che modo arrivano le lettere al Papa..credo eh

        Mi piace

  7. Per l’udienza del S. Padre Francesco avevo chiesto i biglietti per cinquanta nonne della Casa di Riposo S. Giuseppe di Roma ed inaspettatamente, al ritiro dei biglietti, mi sono accorto che non erano posti riservati sul piazzale come avveniva con Papa Benedetto XVI° ma in mezzo alle altre person : immaginate le carrozzine tra la folla!!.
    Sono rimasto sorpreso ma alla Prefettura Vaticana mi è stato detto che sono disposizioni di Papa Francesco : io non credo considerato quanto Egli a detto a favore delle Case di Riposo.

    Mi piace

  8. Ho bisogno di chiederle un grande favore per una mia amica che ha perso parenti in un incidente stradale…non so come contattarla….se potrebbe indicarmi l’indirizzo per scriverle una lettera..!

    Mi piace

      1. Grazie mille ci provo cosi come mi hai consigliata spero che lo riceve. Ultimamente prego molto alla madonna. Mi sento molto giu in questo periodo.
        Buona serata

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...