La “Chiesa interiore”

Jacob Böhme

Boehme-Portrait

(1575-1624) La via verso Cristo (1624), Bari, 1933

Jacob Böhme, calzolaio, teologo e mistico “autodidatta” fu una delle figure di maggior spicco di un protestantesimo esoterico e “pietista”. La sua via mistica è attualissima.

La vita giusta consiste nell’agire. Infatti lo spirito giusto agisce rettamente. Se è presente la volontà di agire, ma l’agire non ne segue, l’uomo giusto è imprigionato nel piacere vanaglorioso che trattiene l’agire ed è soltanto un ipocrita, un ismaelita. In un modo parla, in un altro agisce e testimonia che la sua bocca è menzognera. Infatti, quello che insegna non lo compie e si pone solo al servizio dell’uomo animale nella vanità…

Uno va in chiesa per 20 o 30 anni, ascolta le prediche, fa uso del sacramento, si fa assolvere e rimane un animale diabolico come gli altri…

Che cosa mi giova se entro nella chiesa dei muri? […]

Colui che è santo ha la sua chiesa in se stesso, colà egli interiormente ascolta ed insegna, Babele invece possiede un ammasso di pietre…

Colui che è santo in tutti i luoghi possiede la sua chiesa presso di sé ed in sé. Anche se è in piedi e cammina, egli giace e siede nella sua chiesa, è nella vera chiesa cristiana, nel tempio di Cristo. Lo Spirito Santo predica a lui da tutte le creature, tutto ciò che egli vede lo considera come un predicatore di Dio…

Un vero cristiano porta la sua santa chiesa nella comunità: il suo cuore è la vera chiesa, colà si deve provvedere al servizio di Dio. Se pure vado per mille anni in chiesa, e pure tutte le settimane al sacramento e mi faccio assolvere pure tutti i giorni, ma non ho Cristo dentro di me, è tutto falso, un’inutile futilità… e non c’è alcuna remissione dei peccati. […]

Un uomo giusto, che è nato di nuovo nello Spirito di Cristo, che vive nella semplicità di Cristo, non ha con nessuno controversie riguardanti la religione. Egli ha già in se stesso una bastante lotta con la sua carne ed il suo sangue animaleschi e cattivi. Pensa sempre di essere un grande peccatore…”

Annunci

3 thoughts on “La “Chiesa interiore”

  1. mi chiedo come mai questi pensatori, non siano mai stati divulgati abbastanza…il pensiero “scomodo” è fecondo….molto più di altri. aiuterebbe la chiesa stessa e i suoi rappresentanti a crescere.

    Mi piace

  2. E’ Gesù , con la sua vita, ad essere il primo grande”scomodo”. Poche sono le volte nel Vangelo in cui liscia il pelo a chi lo ascolta, peccatori urlanti, audaci ,veri e onesti a parte. E comunque tali pensatori prima o poi “resuscitati” da qualcuno, ci sono, restano lì a confermare la bontà di quella massima latina ” verba volant, scripta manent”. Dunque beviamo, attingiamo e nutriamoci, soprattutto cerchiamo….chi ce lo impedisce? Pensiamo che alla lotta per questo tipo di sopravvivenza, anche grazie a queste menti illuminate e abitate dallo Spirito, esiste un’abbondanza che si offre sempre e comunque, al di la dei secoli e del tempo che passa.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...