La croce e il cosmo (anzi, la cosmogenesi)

Pierre Teilhard de Chardin

(1881-1955)

 

Nel suo blog, Cyberteologia, padre A. Spadaro riportava giorni or sono un intervento al sinodo di mons. Ägidius Johann Zsifkovics, Vescovo di Eisenstadt (Austria). Il tema dell’intervento era il recupero della memoria profetica e attualissima di Teilhard de Chardin. Approfittiamo della circostanza per proporre un testo del grande scienziato e teologo, la sua ultima lettera (la traduzione è nostra).

Venerdì Santo, 1955

Rev.do Padre e Amico,

ho ricevuto la vostra del 4 aprile e rispondo in questo giorno predestinato. Il senso della croce… Non ho nulla di essenziale da aggiungere alle poche pagine che vi ho inviato nel settembre del 1952: «Ciò che il mondo attende dalla Chiesa di Dio: una generalizzazione e un approfondimento del senso della Croce».

Se non avete più questo breve testo ditemelo, che ve ne farò avere una copia. Ciò che pensavo allora (fin dai tempi de L’ambiente divino), mi convince ancora oggi, più che mai. In un universo di Cosmogenesi, in cui il male non è più “catastrofico” (ossia un accidente),  ma evolutivo (ossia sottoprodotto statisticamente inevitabile di un Universo in corso di unificazione in Dio) – in tale Universo, dico, la Croce (senza perdere la sua funzione espiatrice o compensatrice) diviene ancor di più il simbolo e l’espressione dell'”evoluzione” (noogenesi) intera: co-riflessione e unanimizzazione dell’Umano attraverso e in favore della Pena, del Peccato e della Morte. Da questo punto di vista diventa possibile presentarla al Mondo attuale, non più solo come una “consolazione” dalle miserie del Mondo, ma come un “eccitante” (l’eccitante più completo e dinamico che vi sia) a progredire per quanto è possibile, sulla Terra, per Dio, in direzione di un “ultraumano”.

In regime di “cosmogenesi di unificazione (che è per definizione il regima del Pleroma) Dio non saprebbe creare senza incarnarsi, né incarnarsi senza portare il peso sofferente e peccaminoso dell’Evoluzione…

Evoluzione significa ultra-Creazione! Identicamente, da questo punto di vista, Cristo redentore = Cristo “evolutore”. Il Cristo in Croce è l’espressione più completa apparsa nella coscienza umana di un “Dio dell’Evoluzione”… Un Dio dell’Evoluzione: ossia un Dio che divinizza, cristifica, contemporaneamente, ciò che è in Alto e ciò che è in Futuro…

Ma questo, beninteso, non appare (e con evidenza!) se non a chi ha precedentemente compreso le nuove relazioni stabilite tra Spirito e Materia, e la nuova figura che il Male (in tutte le sue forme) prende in regime di Cosmogenesi: lo Spirito, infatti, vi diviene funzione genetica della Materia, – Male che si trasforma in sottoprodotto dell’unificazione dello Spirito in favore della Materia.

Vi è una nuova “dimensione intellettuale” da percepire (bisogna, sostengo, giungere a guardare “non più su un cerchio”, ma “in una sfera”… E il mio disappunto è stato scoprire che molti spiriti penetranti […], pensano ancora e ancora pregano in “Cosmos” e non in Cosmogenesi.

Ma sarà impossibile (per fortuna!), porre una diga all’irresistibile deriva che trascina tutto attorno a noi il pensiero umano. Domani tutto il mondo penserà “in sfera”, in Cosmogenesi. E allora, con totale naturalezza, il Dio crocifisso diverrà (in quanto crocifisso) il Motore spirituale più potente (poiché sarà quello più in grado di valorizzare e il solo capace di “rendere amore”) dell’ultra-ominizzazione.

Ecco la mia fede. Quella che vorrei poter confessare pubblicamente prima di morire…

Annunci

3 pensieri riguardo “La croce e il cosmo (anzi, la cosmogenesi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...