Cosa resta di una politica cristiana (1)

Romolo Murri

(1870-1944) in Cultura sociale, 193, 10 gennaio 1906: l’antinomia del cristianesimo democratico.

Il dibattito politico attuale ha, tra i suoi vari temi (spesso drammatici) quello delle alleanze e del ruolo dei cristiani nella democrazia. Vale la pena tornare a rileggere alcuni dei padri fondatori della relazione tra vita cristiana e vita democratica. Oggi riporto un testo di Romolo Murri, sacerdote e uomo politico di inizio xx secolo, scomunicato nel 1909 proprio per la sua attività politica, giudicata contraria al volere del Vaticano.

“[Si evidenzia] assai chiaramente l’antinomia che molti hanno rinvenuto nella democrazia cristiana; antinomia d’un programma politico che fa appello al cristianesimo, d’un cristianesimo che si affigge l’etichetta politica di democratico.

Risolvere pienamente questa antinomia non è possibile; tanto è vero che, dopo parecchie risposte, la domanda torna insistente. Ma è poi ragionevole chiedersi che essa sia risolta? Non fu sempre fatta, la stessa questione, a proposito dei rapporti fra Chiesa e stato? Se lo stato, per fiorire, ha bisogno dei cittadini che sentano ed operino religiosamente, e se la Chiesa, organizzazione esterna e visibile, entra per necessità nell’ambito delle leggi civili, come si definisce il loro rapporto? Divisione completa? E’ assurdo. Subordinazione dell’un potere all’altro? E’ ingiusto. Così un partito cattolico suona contraddizione; poiché cattolicesimo è universalità e partito è frazione: e un partito cattolico dovrebbe condurre a un governo cattolico, a uno stato cattolico, a un consiglio di assistenti ecclesiastici accanto al consiglio dei ministri. Ma d’altra parte, idee e tendenze religiose offrono spesso un criterio di divisione logico e spontaneo anche sul terreno politico, presso i popoli nei quali ardono lotte religiose e di cultura. Che dedurne? Questo, che i nostri schemi logici e le nostre risoluzioni teoriche si lasciano sempre sfuggire una parte della realtà; e noi dobbiamo contentarci di stabilire, per la pratica, dei criteri pratici, relativi alle condizioni presenti di cose. Nel caso della democrazia cristiana, tali criteri ci sembrano essere i seguenti:

1. E’ giusto far la critica del cattolicesimo politico vecchia maniera, o clericalismo, il quale o subordina la vita pubblica a tipi storici superati di rapporti fra le due società o subordina la religione ad interessi politici ed economici di alcune classi in lotta con altre…

2. E’ erroneo il prendere la religione come etichetta di divisioni sostanzialmente politiche: quindi la democrazia cristiana, tendenza e programma sociale (democrazia) avente però una caratteristica religiosa (cristiana), non può e non deve essere un partito e un programma politico che sia libero ad ogni cattolico favorire o combattere; ma è uno spirito di vita e di azione collettiva e un programma morale di giustizia e di fraternità, che alcuni o molti cattolici, consenzienti alcuni atti dell’autorità religiosa, sostengono come doveroso per tutti i cattolici in quanto tali.

3. Deve essere libero anche ai cattolici unirsi in speciali raggruppamenti politici, con speciali programmi economici e politici, purché pretendano di chiamarsi, come gruppo o partito, cattolici e lascino agli altri il diritto che reclamano per sé. Attentare a questa legittimità è abuso di autorità e offesa ai diritti civili.

4. La risoluzione delle questioni pratiche, sorgenti, nel terreno dell’azione di un gruppo di uomini o di un partito, su ciò che riguarda la tutela di interessi religiosi, anche contro lo stato, ciò che sembra più corrispondente allo spirito ed alle norme morali del cristianesimo e ciò che va giudicato con criteri meramente economici e politici, non può farsi a priori, in base a principi teorici, ma dipende dalla scienza, dalla più o meno giusta visione delle cose, dall’accorgimento di coloro che vi sono, per un motivo o per l’altro, interessati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...