Il pensiero non è ripetizione “di ciò che si dice in giro…”

Rémi Brague, da pochi giorni insignito del premio Ratzinger per la teologia, ha tenuto ieri all’Università Cattolica un’interessante relazione sul tema: “Non tradire la tradizione”.  In un’intervista con il giornalista di Avvenire Paolo Viana, ha risposto in modo a mio parere estremamente efficace a una domanda sul comunicare il “pensiero” nel tempo di facebook e twitter:

“Non crede che il problema sia anche di trovare un codice per trasmettere una tradizione che risulta oramai incomprensibile per chi comunica con Twitter e Facebook?

Purtroppo quello che dice è fin troppo vero. Mi spiace ammetterlo ma è proprio così. Gli intellettuali al giorno d’oggi devono darsi il compito di trovare un linguaggio, prima di tutto, che sia comprensibile ai giovani. Quello che manca è in effetti un ponte attraverso il quale far passare alle masse ciò che pensano gli intellettuali e i media hanno la responsabilità tremenda di non far udire le idee alla gente, che di quelle idee ha invece un gran bisogno. i giornalisti sono come i sofisti descritti da Platone: ripetono, ripetono e ripetono quello che si dice in giro…

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...